Programma Operativo Regionale 2014

È il turista il protagonista del Programma operativo di promozione della Regione Marche per il 2014: sulla linea della strategia di marketing inaugurata nel 2013, con la realizzazione di migliori servizi informativi e il ricorso sempre più spinto ai social network, il nuovo piano punta sul coinvolgimento emozionale del visitatore nell’approccio con la regione al plurale, quella che propone tanti turismi da trovare in un’unica destinazione. Una destinazione poliedrica, quella dei borghi storici, dei parchi, del mare e delle spiagge, dei 400 musei e 70 teatri storici – vero museo diffuso -  delle 18 Bandiere Blu e delle 19 Bandiere Arancioni, percorrendo sentieri della fede, rocche e castelli, assaporando sapori e saperi, antichi mestieri e tradizioni, terme, sport e  shopping.

“Le Marche – dice il presidente della Regione e assessore al Turismo, Gian Mario Spacca – al top nelle classifiche per qualità della vita e sempre più attrattive a livello internazionale, intendono consolidare e rilanciare nell’immaginario del turista il buon vivere e le bellezze che rappresentano i motivi principali per cui vengono visitate. Non quindi un’operazione di marketing turistico tradizionale, ma l’ideazione e realizzazione di un mix di strumenti di comunicazione alternati che, segnati dalla presenza di Neri Marcorè nuovo testimonial, possano offrire al visitatore molteplici punti di vista. Forti dei dati più che positivi registrati dal turismo marchigiano in un anno ancora difficile come il 2013, con tanti segni più in controtendenza con l’andamento medio nazionale, guardiamo con grande ottimismo al 2014”. Il Programma Operativo 2014 punterà sul potenziamento del sistema informativo del turismo: “un impegno importante – aggiunge Spacca – specialmente nella fase attuale, in cui il web, la comunicazione tramite internet e la multicanalità sono divenuti elementi cardine nel settore turistico nazionale e internazionale”.

Scopo centrale del sistema è trasformare l’utente in cliente potenziale e, attraverso i canali di promozione tradizionale e il web, veicolarlo sui siti di riferimento e accompagnarlo fino all’eventuale prenotazione di una vacanza nelle Marche. È chiaro dalle indagini sullo scenario mondiale futuro e sulle tendenze in Italia, rileva il presidente, che “le Marche come destinazione potranno competere sempre di più se riusciranno a trasmettere un’immagine complessiva di territorio dove le comunità locali, la qualità della vita, lo slow life, i criteri di sostenibilità, conoscenza e benessere diventano gli asset di riferimento per raggiungere una visione lungimirante di sviluppo turistico”. Una visione delle Marche innovativa, globale, che pone il territorio al centro dell’esperienza di soggiorno sostenuta da una straordinaria offerta unica di borghi, paesaggi, riviere, contesti montani uniti alla qualità della vita e al livello di soddisfazione dei residenti come dimostra l’analisi dell’istituto Piepoli (2013). Dall’indagine risulta che nelle Marche si vive decisamente bene rispetto alla media nazionale e che i residenti sono più ottimisti rispetto il livello di vita in futuro.

La riconoscibilità delle Marche con i profili dei prodotti turistici
Verrà quindi potenziata la riconoscibilità delle Marche come destinazione attraverso l’affinamento dei profili dei prodotti turistici, frutto di analisi e valutazioni che hanno portato alla definizione di offerte ognuna delle quali presenta un tema forte che risponde all’idea di vacanza del turista e che rappresenta al meglio la Destinazione Marche e le sue eccellenze: Mare. Le Marche in blu; Dolci colline e antichi borghi; Parchi e natura attiva, Cultura. The genius of Marche; Spiritualità e meditazione; Made in Marche. Gusto a km.0 e shopping di qualità.

Sono indicazioni che costituiscono una base per adottare una visione maggiormente promocommerciale di tutte le azioni promozionali e di comunicazione compreso il co-marketing e il co-branding; è il punto di partenza per la qualificazione delle strutture ricettive in termini di servizi e accoglienza (trekking, business, bike, cultura e family hotel); agevola gli operatori incoming Marche per la definizione di pacchetti e proposte uniformi e quindi più riconoscibili sul mercato con il sostegno economico della Regione Marche.

L’ apertura dei voli di linea e charter
In base ai dati emersi dall’Osservatorio della regione, il 2014 sarà un anno importante per rafforzare la penetrazione in primo luogo nei mercati obiettivo quali la Russia e i mercati di area ex Unione Sovietica, la Germania, il Nord Europa, la Spagna, la Macroregione Adriatico Ionica, il Belgio, l’Olanda, la Repubblica Ceca.

Una vera penetrazione nel mercato estero non può quindi fare a meno della promozione nei territori esteri dove principalmente saranno attivati collegamenti aerei verso l’Aeroporto delle Marche. Nel 2014 verranno attivati nuovi voli diretti da Ancona a Berlino e Dusseldorf e confermati i voli già presenti tra cui Londra, Stoccolma, Monaco, Bruxelles. Continueranno ad essere organizzati i trasferimenti dall’Aereoporto delle Marche verso le località di villeggiatura.

Strategia di promozione e comunicazione multicanale e coordinata. Neri Marcorè
Il programma, frutto di attente analisi sui mercati e di concertazione e condivisione delle linee strategiche con il territorio, vuole inoltre consolidare e rafforzare la strategia di promozione e comunicazione multicanale e coordinata attraverso la nuova campagna di comunicazione per il mercato italiano che avrà come protagonista Neri Marcorè in veste televisiva, radiofonica e social. La Regione continuerà a sostenere eventi di sistema (Marche in blu, Marche arancioni in piazza, Marche Endurance Lifestyle, grandi eventi della Cultura, grandi fiere del gusto); un focus sulle azioni dirette al turista, ovvero il cliente finale attraverso i social media, web marketing, destination blog, attività promozionali rivolte al consumatore; il potenziamento del centro catalizzatore rappresentato dal sito web turistico istituzionale e dal canale web in generale, con l’apertura di nuovi siti in lingua; il rafforzamento del Contact Center e l’adozione di nuove apps multilingue interoperabili con il sistema informativo del turismo e della cultura che è alla base del buon funzionamento dei portali www.turismo.marche.it, www.musei.marche.it e www.beniculturali.marche.it.

SCHEDA: OBIETTIVI 2014 IN PILLOLE

  • mirare ad un forte posizionamento nazionale e internazionale, sviluppando una definita identità di destinazione attraverso un messaggio unico e la promozione integrata attraverso il coordinamento degli “eventi di sistema”, eventi di livello nazionale del settore enogastronomico,  della cultura e dello sport;
  • intraprendere azioni di sostegno al brand che valorizzino la presenza online della destinazione, popolando i social media, sviluppando sempre di più una strategia specifica sui social media verso i mercati target, con particolare riferimento ai nativi digitali e attuando politiche di costante miglioramento del posizionamento e dei contenuti del sito turistico istituzionale (piattaforma DMS);
  • orientare la promozione della destinazione segmentata per cluster verso il cliente finale. L’orientamento al mercato rappresenterà quindi un’attrattività permanente che la Regione Marche realizzerà in maniera costante nel tempo;
  • insieme agli attori privati e pubblici del settore realizzare il Piano dei Prodotti Turistici della regione Marche condividere i nuovi prodotti turistici e consolidare quelli esistenti, in particolare stimolando una reingegnerizzazione dei prodotti-destinazione maturi (mare);
  • supportare la strategia dell’Aereoporto di Ancona Falconara per l’avvio delle nuove tratte di volo favorendo attività promozionali e promocommerciali;
  • far conoscere le Marche come destinazione turistica di eccellenza e di qualità attraverso l’intensificazione dei  rapporti con tour operator, agenzie di viaggi e compagnie aeree per aumentare i canali di vendita organizzati su tutti i mercati di riferimento;
  • sviluppare le quote del mercato turistico dei paesi europei (area tedesca, anglosassone, scandinava, Fiandre), dell’ Est Europa e extraeuropea (in particolare Stati Uniti, Cina);
  • coordinare l’immagine complessiva della regione;
  • favorire il movimento turistico tutto l’anno e la destagionalizzazione sia attraverso la strutturazione di prodotti fruibili in più fasi dell’anno, l’aumento di competività dell’offerta delle aree interne e la creazione di pacchetti e soggiorni legati ad eventi di sistema e territoriali;
  • supportare la promo commercializzazione e lo sviluppo di contenuti informativi riguardo le proposte turistiche e le offerte degli operatori del territorio, stimolandoli anche a sfruttare maggiormente le potenzialità offerte dai canali di vendita online (OLTA) e il web marketing;
  • accompagnare e favorire la condivisione della politica turistica regionale, della comunicazione e del web marketing con gli operatori, i responsabili dei Centri IAT e punti IAT delle Marche, i soggetti che lavorano nella cultura, nell’ambiente e nei settori nevralgici per il turismo e la brand reputation delle Marche, attraverso incontri, seminari informativi e formativi.
By :
Comments : Off